MICHELE ZARRILLO “Vivere e rinascere – Passioni” il nuovo album

Home 0 No Comments

michele-zarrillo-vivere-e-rinascere-passioni-cover-600x600l 24 novembre esce una nuova versione del progetto discografico “Vivere e Rinascere” di Michele Zarrillo, presentato quest’anno a Sanremo con il brano “Mani nelle mani”. Il nuovo album “Vivere e Rinascere-Passioni” è arricchito da un CD che contiene le cover di grandi successi senza tempo: “Passioni” è il titolo di questo capitolo aggiunto, non un semplice disco di cover, ma un vero e proprio nuovo album in studio del cantautore romano. In “Passioni” Zarrillo canta la colonna sonora della sua vita, scegliendo di reinterpretare non i suoi successi ma canzoni, italiane e non, divenute, negli anni, dei veri e propri classici. Questo disco è una piccola parte del jukebox personale del cantautore: è una raccolta di canzoni che lo hanno accompagnato nel corso degli anni e che Michele voleva da tempo reinterpretare. Si va dalla più recente “Luce” di Elisa a “Quando” di Pino Daniele, passando per “Don Giovanni” di Battisti-Panella, “Futura” di Lucio Dalla, “Amore per te” di Mango, “Via” di Claudio Baglioni, “Canzone” di Don Backy e un altro classico recente come “Xdono” di Tiziano Ferro. Ci sono anche due canzoni in inglese, “Lately” di Stevie Wonder e “Shout” dei Tears for Fears. E una piccola sorpresa per i fan storici: la cover di “Sesso o esse”, canzone portata al successo da Renato Zero nel 1977 della quale Michele (insieme allo stesso Renato) all’inizio della sua carriera, scrisse la musica (il cantautore non aveva mai pubblicato la sua versione, prima d’ora). Zarrillo non si è solamente limitato a cantare i brani, ma – grazie agli arrangiamenti di Alessandro Canini – è riuscito a riproporli in maniera personale, pur rispettandone le versioni originali. Realizzare questo disco mi ha fatto venire voglia di accarezzare, interpretare e assaporare queste meraviglie, queste composizioni che anche se sono di altri riesco a sentire mie: perché sono dei classici, appunto. (Michele Zarrillo).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>